Update from Asia

di Luigi Angotzi, giurista e startupper
Da due Paesi del continente Asiatico (Giappone e Cina) ci giungono in queste settimane nuove notizie su come si vuole intendere giuridicamente il bitcoin.

Giappone

A seguito di una causa legale intentata da un cittadino di Kyoto (Giappone) che chiedeva il rimborso dei suoi bitcoin andati perduti per colpa della bancarotta dell’exchange Mt.Gox, la corte distrettuale di Tokio, per bocca del giudice Masumi Kurachi, ha stabilito che per la loro natura immateriale e per la loro dipendenza da terzi, i bitcoin non possono rientrare nella attuale normativa sulla proprietà.

http://www.japantimes.co.jp/news/2015/08/06/national/crime-legal/bitcoins-lost-in-mt-gox-debacle-not-subject-to-ownership-claims-tokyo-court-rules/#.VcshGSbtmkq

http://www.bbc.com/news/technology-33816664
Cina 

Dopo una inchiesta parlamentare portata avanti dal deputato Leung Yiu-chung l’HKMA (Hong Kong Monetary Authority) ha ribadito le sue posizioni, non intende i bitcoin come una moneta, e come tale non rientra sotto la loro giurisdizione. 

Su posizioni simili c’è anche un funzionario del Tesoro, il Professor KC Chan, che si è dichiarato contrario all’introduzione di una nuova normativa. 

Egli tramite una risposta scritta descrive i bitcoin come “virtulal commodities”.

http://www.info.gov.hk/gia/general/201503/25/P201503250463.htm

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s