The Guardian: Blockchain è la più importante invenzione nell’IT della nostra epoca

Articolo del 24/01/2016 di John Naughton

Traduzione di Luigi Angotzi

Non ci sono molte occasioni in cui si può dare una valutazione positiva a quello che fa il Governo, ma questa è una di quelle occasioni.

La scorsa settimana, Sir Mark Walport, principale consigliere scientifico del governo, ha pubblicato un rapporto dal titolo minaccioso “Tecnologia dei registri distribuiti”.

La relazione illustra i risultati di uno studio ufficiale che esplora come la già citata tecnologia “può rivoluzionare servizi, sia nel governo sia nel il settore privato”.

Dal momento che questo è il tipo di discorso che si sente normalmente dai fondatori di start-up, dai venture capitalist, piuttosto che da sobri “colletti bianchi”, tanto che mi ha fatto  soffocare nel mio muesli, vorrei chiedere a Walport cosa intenda quando parla di questa tecnologia.

Un blockchain è essenzialmente un libro mastro, incorruttibile, fatto di blocchi di dati e che questi possono rappresentare qualsiasi cosa.

Più nello specifico, un registro distribuito è di solito pubblico, nel senso che chiunque può vederlo. Le voci nel database sono configurate in “blocchi” che vengono poi incatenati insieme usando firme crittografiche digitali, da qui il termine blockchain, che è in realtà solo un nome tech per un libro mastro distribuita che può essere condiviso e confermato da chiunque abbia le autorizzazioni appropriate.

Chiunque può contribuire ad inserite dati nel registro e tutti possono avere una copia del registro identica  in qualsiasi momento. Questo significa che nessun individuo può impedire a qualcuno di aggiungere dati al registro, e quindi può essere costantemente aggiornato. Ma significa anche che tutti coloro in possesso di copie del libro mastro dovranno convenire che gli aggiornamenti sono stati compiuti.

La tecnologia Blockchain apparve prima come il motore di crittografico che alimentava Bitcoin.

In questa circostanza il Blockchain è stato usato come il libro mastro nel registrare le operazioni in valuta.

La notorietà di Bitcoin ha avuto l’effetto di distrarre l’attenzione dal blockchain, così ci è voluto un po’ più di tempo per capire che il Blockchain era molto più importante di Bitcoin.

Dopo tutto, un blockchain è essenzialmente un libro mastro incorruttibile di blocchi di dati, e che i dati possono essere registrazioni di qualsiasi cosa.

Ad esempio si potrebbero fare trascrizioni di proprietà immobiliare.

Creare e mantenere registri incorruttibili di titoli di  proprietà terrieri è un enorme problema, soprattutto per i paesi in via di sviluppo, ed è in gran parte irrisolto.

Così, quando il governo dell’Honduras ha avviato un’istruttoria per verificare se un catasto basato su blockchain potesse risolvere il problema, il mondo non-geek si mise a sedere e cominciò a prendere nota.

Il messaggio inequivocabile è che questa tecnologia potrebbe essere molto più utile dell’uso solo come critpo-valuta.

Si potrebbe in realtà rivelarsi come una delle più grandi invenzioni informatiche del nostro tempo.

La relazione del capo del CST suggerisce che il governo britannico si è interessato a questa possibilità.

“La Tecnologia distribuita del libro mastro”, a suo giudizio, “hanno il potenziale per aiutare i governi a raccogliere le tasse, offrire servizi vantaggiosi, emettere passaporti, registrazioni catastali, garantire la catena di fornitura di beni e in generale assicurare l’integrità delle registrazioni e dei servizi pubblici. Nel servizio sanitario nazionale, la tecnologia offre la possibilità di migliorare l’assistenza sanitaria, migliorando e autenticando l’erogazione dei servizi  attraverso la condivisione di record in modo sicuro secondo regole precise. Per il consumatore di tutti questi servizi, la tecnologia offre la possibilità, a seconda delle circostanze, per i singoli consumatori di controllare l’accesso ai record personali e di sapere chi vi ha accesso.

La relazione contiene otto raccomandazioni su come accendere l’entusiasmo per la tecnologia blockchain.

Abbiamo bisogno di progetti pilota di lavoro a livello locale e nazionale.

Università e industria dovrebbero essere cooptati per affrontare la sicurezza e altre sfide che la distribuzione su larga scala ci impone.

E, naturalmente, c’è una “necessità di costruire capacità e competenze all’interno del governo”, per non parlare di “una comunità trasversale … per generare e sviluppare potenziali ” casi d’uso “e creare un corpo di conoscenze e competenze all’interno della servizio civile”.
Tutta roba buona, il problema è che la superpetroliera che è lo stato britannico richiede molto tempo per cambiare rotta. È per questo che i piccoli paesi con le amministrazioni “tech-sapienti”come l’Estonia stanno già sperimentando la tecnologia blockchain.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s