Commento alla Sentenza in Florida su AML e bitcoin.

Stefano Capaccioli

Il caso della Florida è un po’ particolare e va ripercorso per comprendere la Sentenza del giudice Teresa Pooler senza cadere in sensazionalismi o titoli da “click”.

Quando si parla di  bitcoin appare spesso questo sensazionalismo, con il risultato che la miscela di  notizie vere, di notizie verosimili, delle teoriche speculazioni mentali e (spesso) della scarsa, se non nulla, conoscenza dello strumento determina un’immensa confusione.

Procediamo con ordine, partendo dall’unico dato certo, la Sentenza [WBM].

Nel 2013 un Detective della Polizia di Miami Beach seguì un corso sulle Valute Virtuali e si è dichiara, poi, “intrigato” dalla possibilità di effettuare un’investigazione in tal senso (come da deposizione dello stesso Agente il 13 gennaio 2015).

A tal fine si collegò al sito  www.localbitcoins.com, individuando un venditore (Michell Abner Espinoza), senza che lo stesso abbia né precedenti né sia stato  indagato per altro.

Nel corso delle transazioni effettuate, l’Agente informava il venditore che avrebbe utilizzato i bitcoin per acquistare carte di credito rubate nel dark web, ma nessun coinvolgimento veniva provato in tal senso da parte  del venditore.

Dopo i primi due acquisti (500$ e 1.000$), l’Agente fissava un incontro per acquistare un controvalore di 30.000 $ di bitcoin e, in quell’occasione lo arrestava, contestando la violazione dello Statuto della Florida:

560.125 Unlicensed activity; penalties.

(1) A person may not engage in the business of a money services business or deferred presentment provider in this state unless the person is licensed or exempted from licensure under this chapter. A deferred presentment transaction conducted by a person not authorized to conduct such transaction under this chapter is void, and the unauthorized person has no right to collect, receive, or retain any principal, interest, or charges relating to such transaction. (…)
(5) A person who violates this section, if the violation involves:

(a) Currency or payment instruments exceeding $300 but less than $20,000 in any 12-month period, commits a felony of the third degree, punishable as provided in s. 775.082, s. 775.083, or s.775.084.

Il Giudice motiva la Sentenza [WBM] ricostruendo, secondo la normativa della Florida, la definizione di money service business, definito dal 560.103(22)  dello Statuto della Florida:

 Money services business” means any person located in or doing business in this state, from this state, or into this state from locations outside this state or country who acts as a payment instrument seller, foreign currency exchanger, check casher, or money transmitter.

In definitiva  Espinoza non trasmetteva alcunché, ma stava vendendo bitcoin di sua proprietà (per un profitto di circa il 15% come emerge dall’istruttoria e dagli atti del processo) e quindi, per le definizioni contenute nello stesso articolo, tale comportamento non può essere attratto dalla normativa.

Il Giudice Teresa Pooler rappresenta detta situazione in maniera mirabile, sostenendo che:

The Florida Legislature may choose to adopt statutes regulating virtual currency in the future. At this time, however, attempting to fit the sale of Bitcoin into a statutory scheme regulating money services business is like fitting a square peg in a round hole.”

Per sgombrare il campo dagli equivoci, nella Sentenza non vi è la affermazione che il bitcoin non è denaro, bensì che il testo dello Statuto della Florida non consente di affermarlo, o meglio, che voler sostenere che la vendita di bitcoin sia money service business è come cercare di inserire una tessera quadrata in un buco tondo.

La Sentenza, assolvendo Espinoza anche dall’accusa di riciclaggio, afferma che

This court is unwilling to punish a man for selling his property to another, when his actions fall under a statute that is so vaguely written that even legal professionals have difficulty finding a singular meaning.

Di nuovo, le definizioni normative e regolatorie appaiono vaghe ed ambigue, definizioni che difficilmente si adattano as is al bitcoin, confermando la nostra tesi sulla definizione legale dei bitcoin.
Per completezza  anche un altro venditore fu indagato ed arrestato, Pascal Reid, che si dichiarò colpevole e patteggiò una pena a 90 giorni di carcere e di partecipare alla formazione delle forze dell’ordine in almeno 20 corsi d sulle valute virtuali (Plea Bargaining) [WBM].
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s